Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpant alios: nemo sine crimine vivit. 

                   

27.10.2012 Quesito La Polizia Locale utilizza i preavvisi di accertamento per le violazioni di "routine". In caso di errore su di uno di questi preavvisi, l'archiviazione a chi spetta non essendo ancora una sanzione amministrativa? Risposta La necessità di definire i procedimenti porta a dover valutare la problematica accennata per gli atti che sono oggetto di possibile azione da parte del soggetto passivo. La legge 241/90, più volte modificata ed in ultimo con la legge 14 maggio 2005, n. 80, ha da sempre improntato la propria ratio ai criteri di efficacia ed efficienza, sviluppando concetti costituzionali che certamente vanno condivisi; infatti i principi dell'azione a amministrativa prescritti dall'art. 97 Cost. e quello della responsabilità dei dipendenti pubblici (art. 28 Cost.) fanno del cittadino il titolare del diritto di usufruire i sevizi pubblici, e non pongono a suo carico il dovere di sopportare i disservizi dell'attività amministrativa negligente ed illegittima. Per questo motivo, ravvisata una delle cause di annullabilità di un atto, si deve procedere d’ufficio attraverso l’istituto dell’autotutela, evitando il coinvolgimento del cittadino che verrebbe così gravato di un ingiusto danno. La legge 689/81 indica, all’art. 17, che “ Qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta, il funzionario o l'agente che ha accertato la violazione … deve presentare rapporto, con la prova delle eseguite contestazioni o notificazioni, all'ufficio periferico cui sono demandati attribuzioni e compiti del Ministero nella cui competenza rientra la materia alla quale si riferisce la violazione o, in mancanza, al prefetto “. Ma tale previsione normativa è solamente finalizzata all’emanazione della successiva ordinanza ingiunzione, mentre ogni altra attività coinvolgente l’Autorità Amministrativa necessita di un’azione da parte del soggetto destinatario del procedimento, il ricorrente. L’art. 21-nonies della legge 241/90 ora dispone che il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell'articolo 21-octies ( “ E’ annullabile il provvedimento amministrativo adottato in violazione di legge o viziato da eccesso di potere o da incompetenza.” ) può essere annullato d'ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati, dall'organo che lo ha emanato, ovvero da altro organo previsto dalla legge. Per cui, sussistendo certamente “ un interesse del destinatario “ si ritiene che l'Organo emanante può ( anzi, deve ) procedere direttamente all’archiviazione in via di autotutela dei seguenti procedimenti amministrativi, mediante l’adozione di determina del Dirigente ovvero del Responsabile del Servizio, secondo le seguenti modalità: - preavvisi di violazione a norme sulla circolazione stradale errati, a seguito di proposta del medesimo accertatore, senza trasformazione dell’atto endoprocedimentale in atto tipico. - verbali di accertata violazione amministrativa quando ricorrono le condizioni di cui all’art. 21 octies della legge 241/90, a seguito di proposta del medesimo accertatore; - verbali già divenuti esecutivi quando ricorrono le condizioni di cui al punto precedente, mediante previo procedimento di sgravio, a seguito di proposta dell’ufficio addetto; - verbali prescritti, a seguito di proposta dell’ufficio addetto; Verranno invece ritualmente inviati al Prefetto o al Giudice di Pace i verbali ricorsi od opposti, con la contestuale proposta rispettivamente di archiviazione o di non costituzione, perchè sottratti con l’atto introduttivo alla autonomia del procedimento di archiviazione in via di autotutela. Si ritiene di segnalare che gli atti archiviati dovranno essere trattenuti allegati al provvedimento di archiviazione che sarà redatto periodicamente e comunque almeno una volta all’anno. Resta inteso a parere di chi scrive che il cittadino dovrà avere contezza del provvedimento solo se avrà agito per segnalare l’accadimento che ha determinato l’archiviazione. Ezio Bassani, Com.te di P.M. di Serravalle Scrivia ( AL ) Redazione di P.L. Informa

Supplemento a SULPL News Direzione, Redazione e Amministrazione: GENOVA - Corso Torino 2, interno 1 - Dir. Resp.: Dr. Giovanni Bonora - Autorizzazione Trib. di Bolzano n°    38/90.