Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpant alios: nemo sine crimine vivit. 

                   

Raccoglitore notizie Giurisprudenza ANNO 2012
PL Informa
L’esperto risponde L’esperto risponde
I fatti del giorno in ogni Provincia I fatti del giorno in ogni Provincia
CODICI ON LINE
Codice della Strada Codice della Strada Prontuario CDS Prontuario CDS Regol. Att. CDS Regol. Att. CDS Codice Penale Codice Penale Codice Proc. Penale Codice Proc. Penale Codice Civile Codice Civile Codice Proc. Civile Codice Proc. Civile
CODICI ON LINE
16.03.2012 Divieto di sosta - annullamento verbale - numero civico mancante (Cass. Civ., sez .II, 29 settembre 2011, n. 19902)                                         Svolgimento del processo Con sentenza n. 197 depositata il 31.10.2005 il G.d.P. di Licata rigettava l’opposizione avverso il verbale di accertamento elevato dalla locale Polizia municipale, per sosta di autovettura in zona vietata, a carico di A. G., la quale aveva impugnato l’atto deducendo che in esso non era indicato il numero civico in corrispondenza del quale era avvenuta la sosta, e che l’autovettura si trovava...continua 13.03.2012 Punti della patente, sì ai ricorsi rapidi per la decurtazione Contro i verbali delle multe che oltre alla sanzione pecuniaria preannunciano la decurtazione dei punti sulla patente, gli automobilisti possono subito inoltrare il loro ricorso - se ritengono illegittima la misura - prima che l’Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida abbia effettuato la decurtazione. Lo ha deciso la Cassazione (sentenza 3936/12) dando ragione ad un automobilista pugliese multato per eccesso di velocità dopo essere stato scoperto dall’autovelox a viaggiare alla velocità di 90 chilometri orari quando il limite era di 50. Con la multa, l’automobilista aveva ricevuto il «preavviso» della decurtazione dei punti. Finora il ricorso contro il taglio dei punti si poteva fare solo dopo aver pagato la multa ma ora (afferma la Suprema Corte) gli automobilisti possono presentarlo subito anche per quanto riguarda la sanzione accessoria del taglio dei punti.«in tema di sanzioni amministrative conseguenti a violazioni del Codice della strada che comportino la previsione dell’applicazione della sanzione accessoria della decurtazione dei punti della patente di guida, il destinatario del preannuncio della decurtazione - di cui deve essere necessariamente fatta menzione nel verbale di accertamento - ha interesse e quindi può proporre opposizione davanti al giudice di pace, ai sensi dell’art. 204 bis Cds - onde fare valere anche vizi relativi alla sanzione amministrativa accessoria, senza necessità di attendere la comunicazione della variazione di punteggio da parte dell’Anagrafe degli abilitati alla guida». 12.03.2012 Il concetto di incidente stradale non implica necessariamente la produzione di danni a cose proprie o altrui o lo scontro con altri veicoli o comunque il coinvolgimento di terze persone con danni alle stesse,  bensì qualunque situazione che esorbiti dalla normale marcia del veicolo in area aperta alla pubblica circolazione, con pericolo per l’incolumità altrui e dello stesso conducente E’ questo il principio stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza 16 febbraio 2012, n. 6381 cui è stata risolta una vicenda catalizzata sulla valenza di incidente stradale. Infatti, nel caso di specie l’imputato veniva condannato dalla Corte di appello territoriale per il reato di cui all’art. 186, comma 2, lett. c) aggravato ai sensi del comma 2 bis del Codice della Strada, per aver provocato, guidando in stato di ebbrezza, la fuoriuscita dell’autovettura da lui condotta dalla sede stradale..... continua   ( articolo di Alessandro Ferretti   ) 11.03.2012 Infrazione amministrativa, verbale di contestazione, elementi inderogabili Cassazione civile , sez. II, sentenza 21.12.2011 n° 28046 Il verbale di contestazione di un’infrazione amministrativa deve necessariamente contenere l’indicazione del fatto che sta alla base della sanzione amministrativa, con tutte le circostanze che lo delineano (anche in ordine alle dichiarazioni contestuali eventualmente rese dal preteso trasgressore) Pertanto, non basta che la sanzione contenga solo le generalità del contravventore, i riferimenti di luogo e di tempo dell’accertamento, nonché l’indicazione della norma che si ritiene violata. Senza l’esposizione sia pure sommaria del fatto che ha determinato la sanzione, il verbale non è valido e il giudice deve annullare la successiva ordinanza-ingiunzione sullo stesso fondata.... continua

Supplemento a SULPL News Direzione, Redazione e Amministrazione: GENOVA - Corso Torino 2, interno 1 - Dir. Resp.: Dr. Giovanni Bonora - Autorizzazione Trib. di Bolzano n°    38/90.