Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpant alios: nemo sine crimine vivit. 

                   

PL Informa
L’esperto risponde L’esperto risponde
I fatti del giorno in ogni Provincia I fatti del giorno in ogni Provincia
CODICI ON LINE
Codice della Strada Codice della Strada Prontuario CDS Prontuario CDS Regol. Att. CDS Regol. Att. CDS Codice Penale Codice Penale Codice Proc. Penale Codice Proc. Penale Codice Civile Codice Civile Codice Proc. Civile Codice Proc. Civile
CODICI ON LINE
QUESITO:  Nell'Ente   presso   cui   lavoro   esiste   un   associazione   ONLUS   sportiva,   regolarmente   iscritta   presso   la   Provincia,   proprietaria   di   tre minibus   (9   posti)   con   i   quali   vengono   trasportati   per   lo   più   bambini   iscritti      all`associazione   ai   campi   di   gara   e   di   ritorno.   Da precisare   che   questi   minibus   vengono   guidati   da   pensionati   con   patente   B   a   titolo   gratuito   e   che   i   veicoli   in   questione   sono   stati comperati    anche    con    soldi    pubblici.    Purtroppo    succede    sistematicamente    che    questi    mezzi    vengono    anche    usati    da    altri (associazione   dei   maestri   di   sci,   guida   alpine,   etc   ),   per   trasportare   bambini   e   turisti   nei   vari   hotel   della   zona,   anche   fuori comune.   Ma   anche   le   guide   alpine   talvolta   usano   questi   veicoli   per   trasportare   i   loro   clienti   nei   vari   paesi   (anche   lontani   dalla sede)   per   le   escursioni.   Chiaramente   questo   non   ha   niente   a   che   fare   con   la   società   sportiva   ONLUS   in   oggetto   che   però   ne   è   a conoscenza). Come autisti usano gli stessi pensionati che citavo oppure guidano le guide alpine. Ora mi chiedo in quali sanzioni ci si può incorrere? 1.) Art. 85 comma 4 CdS o addirittura art. 86 comma 2 2.) Art. 116 commi 15 e 17 3.) L´assicurazione del mezzo dell`ONLUS pagherà in caso di incidente (magari con feriti gravi o morti) ? 4.) Il presidente dell`ONLUS in che maniere risponde dando i suoi mezzi a chi non potrebbe usarli? 5.) Gli autisti che responsabilità hanno? RISPOSTA: Nella   circostanza   da   Lei   descritta   occorre   in   primis   riuscire   ad   avere   delle   certezze   o   quanto   meno   una   semplice   presunzione   ma sorretta   da   precisi   indizi,   gravi   e   concordanti,   in   virtù   del   fatto   che   sulla   base   di   quanto   riportato   nel   quesito,   si   andrebbero   a contestare violazioni particolarmente gravi. Nulla   quaestio   per   l'uso   proprio   dei   veicoli   da   parte   dell'ONLUS   SPORTIVA   che   li   adibisce   al   trasporto   dei   ragazzi   ai   campi   di gara.   Diversamente   si   potrebbe   parlare   di   Noleggio   con   Conducente   (   NCC   )   quindi   un   uso   di   terzi   ma   occorre   verificarlo, accertarlo o meglio dimostrare-  per esempio  - se vi è un corrispettivo altrimenti trattasi di un semplice trasporto di cortesia.    Come   ben   sappiamo   il   servizio   di   noleggio   con   conducente   per   il   trasporto   di   persone   rientra   tra   i   servizi   pubblici   non   di   linea, cioè   tra   quei   servizi   finalizzati      dietro   richiesta,   al   trasporto   collettivo   od   individuale   di   persone,   con   funzioni   complementare integrativa   rispetto   ai   servizi   pubblici   di   linea   ferroviari,   automobilistici,   marittimi,   lacuali   ed   aerei,   effettuati   a   richiesta   del trasportato/i   in   modo   non   continuativo   o   periodico,   secondo   orari   ed   itinerari   non   fissi   ma   stabiliti   a   caso.   A   differenza   del noleggio   senza   conducente,   che   rientra   nella   piena   previsione   dell'art.   1571   del   C.C.,   in   base   al   quale   obbligo   del   locatore   è quello   di   far   godere   all'altra   parte   (   conduttore   )   un   bene   per   un   tempo   determinato   ed   in   cambio   di   un   corrispettivo   anch'   esso determinato,   il   noleggio   con   conducente   invece   ha   natura   giuridica   del   tutto   diversa,   in   quanto   rientra   nella   "   locatio   operis   " dove   assume   natura   prevalente   non   il   bene   messo   a   disposizione   ma   l'opera   umana   e   la   garanzia   del   risultato.   Pertanto   nel contratto   di   noleggio   con   conducente   la   prestazione   umana   assume   prevalenza   in   quanto,   oltre   al   risultato   e   cioè   la   conduzione alla meta richiesta, il noleggiatore deve anche garantire l'incolumità dei trasportati e l'integrità di eventuali bagagli. Fatta    questa    doverosa    specificazione    preliminare    occorre    altresì    ricordare    che    requisito    necessario    per    l'ottenimento dell'autorizzazione   per   il   servizio   di   NCC   è   l'iscrizione   al   "   Ruolo   dei   conducenti   di   veicoli   o   natanti   adibiti   ad   autoservizi pubblici   non   di   linea   "   (   art.   6   c.   5   L.   n.   21   del   15.01.1992   )   e   tale   iscrizione   avviene   dimostrando   di   avere   il   Certificato   di abilitazione professionale ( CAP ) e superare un esame presso apposita commissione regionale Vien   da   se   che   dopo   aver   contezza   che   nella   fattispecie   di   cui   è   questione   non   si   tratti   di   trasporto   di   cortesia   ovvero   vi   è costantemente   un   movimento   di   trasporto   di   persone   da   parte   di   associazioni   diverse,   un   corrispettivo      quindi   un   uso   di   terzi   per trasporto di persone,  allora trattasi di noleggio con conducente per cui le ipotesi sanzionatorie sono: - Art. 85 c. 4 del CDS - noleggio con conducente di veicolo non adibito a tale uso - Art. 116 c. 15 in quanto necessita certificato abilitazione professionale KB - Segnalazione alla Guardia di Finanza per eventuali responsabilità fiscali a carico del Presidente dell' ONLUS L' assicurazione RCA a fronte di un premio regolarmente pagato prima risarcisce e poi farà rivalsa Non   si   ritiene   applicabile   l'art.   86   del   CDS   (   Servizio   di   piazza   con   autovetture   con   conducente   o   taxi   )   in   quanto   tratta   di servizio   di   piazza   mediante   stazionamento   su   area   pubblica   con   richiesta   di   prestazione   nella   sede   del   vettore   e   si   rivolge   ad utenza   indifferenziata   con   tariffe   stabilite   da   organi   competenti   per   cui   sulla   base   del   quesito   non   si   ritiene   sostenibile   tale fattispecie.
09.01.2013
Ferrughelli Massimo, V. Comm. P.M. Tortona ( AL )

Supplemento a SULPL News Direzione, Redazione e Amministrazione: GENOVA - Corso Torino 2, interno 1 - Dir. Resp.: Dr. Giovanni Bonora - Autorizzazione Trib. di Bolzano n°    38/90.