Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpant alios: nemo sine crimine vivit. 

                   

PL Informa
L’esperto risponde L’esperto risponde
I fatti del giorno in ogni Provincia I fatti del giorno in ogni Provincia
CODICI ON LINE
Codice della Strada Codice della Strada Prontuario CDS Prontuario CDS Regol. Att. CDS Regol. Att. CDS Codice Penale Codice Penale Codice Proc. Penale Codice Proc. Penale Codice Civile Codice Civile Codice Proc. Civile Codice Proc. Civile
CODICI ON LINE
21.02.2013 Quesito:
Relativamente alla licenza per sala giochi ( licenza necessaria per poter esercitare un'attività a mezzo di giochi elettronici di cui all'art. 110 del TULPS - commi 6 e7 -  nonchè Video Lotterie Telematiche, centro scommesse etc.) si chiede chi sia l'organo deputato al rilascio della licenza o alla SCIA?  E chi è legittimato a richiedere i controlli di cui agli artt. 11-12 del TULPS ? Risposta: In ordine alla competenza al rilascio della licenza per l'apertura della sala giochi, ritengo che non deve decidere il responsabile del SUAP ne' altri; l'Amministrazione Comunale con il Regolamento degli Uffici e Servizi, dovrà individuare l'area di competenza per ogni singolo Servizio e le relative attività da espletare. Per quanto attiene più strettamente al punto tecnico del quesito, si precisa quanto segue: l'apertura di una sala giochi soggetta a licenza ex art. 86 Tulps che abilita anche all'installazione di apparecchi da gioco di cui all'art. 110, comma 6, lett. a) e comma 7. Le videolotterie telematiche, di cui all'art. 110, comma 6, lett. b), ed il centro scommesse sono, invece, autorizzate ai sensi dell'art. 88 e la competenza è dell'Autorità di Pubblica Sicurezza (Questura o Commissariato di P. S.) competente per territorio. Per il rilascio delle licenze di polizia è necessario  accertare che il titolare sia in possesso dei requisiti ex art. 11 Tulps e, per conseguenza, devono essere negate a: a) coloro che hanno riportato condanne a pene restrittive superiori a tre anni per delitto non colposo e non hanno ottenuto la riabilitazione; b) chi è sottoposto a sorveglianza speciale o a misure di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza. Invece, possono essere negate a chi è stato condannato: a) per delitti contro la personalità dello Stato; b) per delitti contro l'ordine pubblico; c) per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, per violenza o resistenza all'autorità. In riferimento all'art. 12 Tulps, richiamato nel quesito, si precisa che non occorre procedere ad alcun accertamento, in quanto il comma 1 è stato abrogato dall'art. 13, comma 1, lett. g) del D. L. 5/12, convertito dalla legge 35/12. Si ricorda che tale articolo stabiliva che coloro che avevano l'obbligo di provvedere all'istruzione elementare dei fanciulli, in caso di inottemperanza, non potevano ottenere autorizzazioni di polizia. Proprio la necessità di tali accertamenti e le successive attività, di cui ai punti precedenti, demandate all'ufficio preposto al rilascio delle licenze, ci inducono ad affermare che in luogo delle autorizzazioni di polizia non può essere presentata la SCIA, ma deve essere rilasciata la licenza ex art. 86 Tulps. Ne' la SCIA può essere presentata in sostituzione della licenza ex art. 88 Tulps. Si conclude sottolineando che la Scia, introdotta dal D. L. 78/10, convertito dalla legge 122/10, art. 49, commi 4-bis e 4-ter, sostituisce ogni autorizzazione, licenza, concessione, permesso, nulla osta, iscrizione in albi per attività imprenditoriali, commerciali o artigianali, a condizione che non vi siano limiti o contingenti o programmazione settoriale e sia richiesto il solo accertamento di requisiti  e presupposti e con la esclusione dei casi di vincoli ambientali, paesaggistici e culturali e degli atti rilasciati dalle Amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all'immigrazione, all'asilo, all'amministrazione della giustizia ed all'amministrazione delle finanze. Ringraziamo il Dott. Michele Pezzullo, Com.te di P.M., per la collaborazione.

Supplemento a SULPL News Direzione, Redazione e Amministrazione: GENOVA - Corso Torino 2, interno 1 - Dir. Resp.: Dr. Giovanni Bonora - Autorizzazione Trib. di Bolzano n°    38/90.